innovior Logo

Cancro al seno: uno stratagemma per ridurre gli effetti collaterali della terapia ormonale

Tuttavia, alla fine, per l’atleta che migliora le prestazioni, potrebbe essere necessario provare tutti e tre in diversi momenti per trovare quale AI funziona meglio per lui. Tratto e tradotto da steroid.com
Le informazioni di questo articolo sono condivise solo a scopo didattico informativo. Per queste ragioni l’autore declina ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, anabolizzanti dirette o indirette, derivanti dall’utilizzo di tali informazioni. Dopo l’intervento chirurgico, se il tumore rimosso ha recettori ormonali positivi, quella anti-ormonale è la terapia standard per abbassare il rischio che la malattia si ripresenti o che si sviluppino metastasi, e gli inibitori dell’aromatasi si stanno affermando sempre più come farmaci di riferimento.

  • L’indicazione giunge dai risultati di un trial clinico presentati a Chicago da ricercatori della Marshall University Joan C. Edwards School of Medicine and Edwards Comprehensive Cancer Center di Huntington (West Virginia) nel corso del recente congresso dell’American society of clinical oncology (Asco).
  • In pazienti con cancro al seno precoce, non metastatico, gli agenti antiriassorbenti possono essere applicati per prevenire (o ridurre) la perdita ossea indotta dal trattamento e per ridurre il rischio di sviluppare metastasi ossee.
  • Humanitas Research Hospital è un ospedale ad alta specializzazione, centro di Ricerca e sede di insegnamento universitario e promuove la salute, la prevenzione e la diagnosi precoce.
  • Gli analgesici invece agiscono sul dolore ma non sull’infiammazione e la scelta del farmaco varia in base all’entità del dolore (dolore lieve, farmaci non oppioidi; dolore moderato, oppioidi deboli; dolore intenso, oppioidi maggiori).
  • Le donne trattate con tamoxifene presentavano più coaguli di sangue, vampate di calore, sudorazione e incontinenza urinaria, secondo lo studio.

Lo scopo principale di un piano PCT è quello di stimolare la produzione naturale di testosterone al fine di proteggere il tessuto muscolare magro, tenere sotto controllo il grasso corporeo e promuovere un migliore stato di salute. Tuttavia, lo scopo generale è la normalizzazione, che non può essere raggiunta quando si utilizza anastrozolo post ciclo a causa della straordinaria riduzione degli estrogeni. Sebbene alti livelli di estrogeni possano essere problematici, alcuni sono necessari per una corretta funzione corporea, soprattutto per quanto riguarda il sistema immunitario e la salute cardiovascolare. Per l’utente di steroidi anabolizzanti, l’IA deve essere salvata per l’uso in ciclo con SERM utilizzato per PCT.

Rendiamo il cancrosempre più curabile

L’approccio farmacologico deve essere sequenziale e adattarsi all’intensità del dolore, questa viene quantificata con apposite scale di valutazione. I FANS svolgono attività analgesica e antinfiammatoria, la risposta a questi farmaci è però individuale e varia da paziente a paziente, così come diversi sono gli affetti avversi. Gli inibitori dell’aromatasi sono indicati nelle donne già in menopausa e che quindi non producono più estrogeni dalle ovaie, ma solo nei tessuti periferici, soprattutto quello adiposo. Si usano in genere dopo l’intervento per impedire recidive, ma in alcuni casi sono utilizzati anche prima dell’operazione, per ridurre il volume della massa da asportare, oppure nelle fasi più avanzate della malattia.

  • Exemestane ha quindi un effetto detrimentale sul tessuto osseo significativamente meno spiccato degli NSAI come anastrozolo e letrozolo?
  • Molti tumori del seno hanno sulla superficie delle loro cellule recettori per gli estrogeni, per il progesterone o per entrambi.
  • Inoltre, polimorfismi del gene CYP19A1 sono stati associati a cambiamenti nella composizione corporea nelle donne trattate con inibitori dell’aromatasi.
  • In alcuni casi il trattamento viene prescritto prima dell’intervento chirurgico, per ridurre le dimensioni del tumore da asportare, ma nella maggior parte dei casi si inizia dopo l’intervento (e dopo la chemioterapia, se questa è ritenuta necessaria) e si prosegue per cinque anni, con lo scopo di contrastare un possibile ritorno della malattia.

La terapia ormonale contribuisce a prolungare la sopravvivenza delle pazienti affette da tumore mammario ormono-sensibile e quando viene somministrata in seguito all’intervento chirurgico si parla di terapia adiuvante, perché aiuta a far sì che la malattia non si ripresenti. La scelta della terapia adiuvante deve tenere conto del profilo di rischio della singola paziente, delle caratteristiche biologiche della malattia e dello stato menopausale”, spiega la dottoressa De Sanctis. Nelle donne terapia adiuvante con farmaci inibitori delle aromatasi (AI) per il controllo del carcinoma mammario è elevato il rischio di osteoporosi. Sono stati pubblicati diversi studi che hanno affrontato in modo specifico gli effetti della IA sullo scheletro. Uno studio ha rilevato che, dopo cinque anni di trattamento con anastrozolo, si è verificata una perdita ossea del 6,1% nel tratto lombare della colonna vertebrale e del 7,2% all’anca. Al contrario il tamoxifene ha mostrato un effetto protettivo osseo con un aumento della densità minerale ossea (BMD) rispettivamente del 2,8% e dello 0,7%.

Inibitori dell’aromatasi nel cancro mammario

La terapia adiuvante con farmaci inibitori delle aromatasi di terza generazione come anastrozolo, exemestane e letrozolo è indicata per scongiurare il rischio di una recidiva del cancro al seno nelle donne in post menopausa in cui il carcinoma risultava ormono-sensibile. Per queste pazienti le Linee Guida stabiliscono che la terapia con inibitori delle aromatasi sia seguita per un periodo di 5 anni circa, mentre per un particolare sottogruppo deve proseguire per 10 anni. Nelle pazienti oncologiche in età fertile, invece, gli inibitori delle aromatasi non sono efficaci perché agiscono sugli estrogeni prodotti a livello del tessuto adiposo mentre sono inefficaci su quelli prodotti dalle ovaie.

Fondazione AIRC sta sostenendo diversi studi sull’utilizzo dell’ormonoterapia in diversi tipi di tumore dell’ovaio. È un inibitore selettivo di biosintesi degli androgeni che blocca potentemente il CYP17, un enzima chiave nella sintesi di testosterone da parte di ghiandole surrenali, testicoli e cellule tumorali. Viene utilizzato sempre in combinazione con lo steroide (prednisone o prednisolone) per ridurre gli effetti collaterali quali ipertensione, ritenzione idrica o ipopotassiemia. In alcuni casi il trattamento viene prescritto prima dell’intervento chirurgico, per ridurre le dimensioni del tumore da asportare, ma nella maggior parte dei casi si inizia dopo l’intervento (e dopo la chemioterapia, se questa è ritenuta necessaria) e si prosegue per cinque anni, con lo scopo di contrastare un possibile ritorno della malattia. In altri casi la terapia ormonale viene intrapresa in seguito alla ricomparsa della malattia o quando questa viene diagnosticata già in fase avanzata. Anche a
livello delle strutture pubbliche, la spesa degli IA è in netta riduzione
(-30%) rispetto all’anno precedente.

Risultati

L’endometrio, infatti, come la ghiandola mammaria o l’ovaio, risponde ciclicamente all’azione degli ormoni sessuali femminili, estrogeni e progesterone, che nella donna in età fertile fanno proliferare e maturare ogni mese questo tessuto per predisporlo a un’eventuale gravidanza. Una valida alternativa al trattamento con analoghi LHRH può essere rappresentata dal trattamento con LHRH antagonisti o antagonisti del GnRH (per esempio il degarelix), specie nei pazienti a maggior rischio di flare-up o nei quali sia necessario ottenere più rapidamente la risposta terapeutica. Gli antagonisti del GnRH inibiscono direttamente l’LHRH a livello ipofisario attraverso un meccanismo di tipo competitivo e bloccano la secrezione di LH e FSH senza determinare effetti agonisti, consentendo pertanto di evitare il fenomeno del flare-up. I cosiddetti agonisti dell’LHRH (o GnRH) agiscono a monte rispetto agli altri farmaci ormonali, perché bloccano la produzione dell’ormone luteinizzante (LH), con cui l’ipofisi stimola l’attività delle ovaie e dei testicoli. In particolare, in questo modo le ovaie smettono di produrre ormoni (ablazione o soppressione ovarica). Seguono gli
inibitori delle tirosin chinasi impiegati prevalentemente in ambito
onco-ematologico con una spesa di 6,6 euro pro capite.

Attraverso una serie di esperimenti virtuali hanno elaborato delle predizioni su alcune classi di molecole, poi verificate nei laboratori dell’Istituto nazionale dei tumori di Milano. In seguito l’Università di Trieste ha caratterizzato lo specifico tipo di inibizione che quelle molecole inducevano, confermando le predizioni. «Ulteriori indagini in questo senso riguarderanno lo studio e il miglioramento delle caratteristiche chimico fisiche delle molecole identificate, per aumentare l’efficacia e rilevare la capacità di penetrazione nei tessuti biologici, prima di valutare i loro effetti in vivo. Questo sarà il processo preliminare per un possibile ingresso di questo tipo di approccio nei trial clinici». Il testosterone stimola la replicazione delle cellule tumorali della prostata legandosi a specifici recettori che si trovano sulla superficie delle cellule stesse.

La riduzione del dolore durante i rapporti si può ottenere:

Al momento l’unico che si è mostrato capace non solo di aumentare la Bone Mineral Density, ma anche di prevenire effettivamente le fratture delle vertebre è il denosumab, un anticorpo monoclonale completamente umanizzato indicato per il trattamento dell’osteoporosi post-menopausale». I medici di base e gli specialisti devono considerare la valutazione di routine della depressione e dell’insonnia nelle pazienti affette da tumore mammario trattate con inibitori dell’aromatasi. Gli analgesici invece agiscono sul dolore ma non sull’infiammazione e la scelta del farmaco varia in base all’entità del dolore (dolore lieve, farmaci non oppioidi; dolore moderato, oppioidi deboli; dolore intenso, oppioidi maggiori). La vitamina D infine, è di certo importante per le ossa, ma i risultati in merito ai suoi effetti sul dolore sono contrastanti. Nel tumore dell’utero, la terapia ormonale si prescrive solo quando la malattia colpisce l’endometrio, il rivestimento interno dell’organo, ma non quando riguarda il collo, cioè nel caso di tumore della cervice uterina.

I dati AIFA sugli antivirali contro COVID-19 in uno studio su ‘Lancet‘

– Infatti, l’esame della morfometria vertebrale emerge nella sua fondamentale importanza per il follow-up dello stato di salute ossea in queste pazienti. Se il life time risk delle fratture vertebrali ammonta a circa il 40%, nelle donne che hanno avuto un cancro il rischio di osteoporosi secondaria alla terapia si moltiplica». «La terapia adiuvante con inibitori delle aromatasi è un pilastro fondamentale della terapia oncologica ma ha un pesante impatto sulla salute delle ossa. Le donne che seguono questa terapia perdono circa il 6% di massa ossea ogni anno, contro circa l’3% di quelle sane in età post-menopausale» – spiega Andrea Giustina direttore della cattedra di Endocrinologia presso l’Università Vita e Salute San Raffaele di Milano.